apr 162015
 

Sembra che l’attuale boom immobiliare di New York abbia basi migliori rispetto a quanto avvenuto nel passato. Secondo un’analisi effettuata da The Real Deal, gli aumenti e i successivi crolli avvenuti negli anni ’80, ’90 e ai primi del 2000 furono più incisivi e più rapidi.

howlongpriceriseLe scorse crisi sono avvenute in risposta ad eventi economici negativi. Negli anni ’80 ad esempio il crollo delle azioni ha causato una profonda recessione, mentre la bolla immobiliare scoppiata verso la fine del 2007 portò al collasso della Lehman Brothers e delle altre banche d’investimento nel 2008.

mediansalesprices

Lo scorso anno sono stati immessi sul mercato 2.400 nuovi appartamenti e quest’anno saranno 6.000.

Nel complesso il mercato attuale dipende come mai nel  passato da acquirenti del lusso e in gran parte riguarda acquisti in contanti.

In particolare, nell’attuale situazione di bassi tassi di interessi e di instabilità politica globale la gente è alla ricerca di investimenti sicuri che Manhattan è in grado di offrire.

Analogamente a quanto avvenuto alla fine degli anni ’90 con l’espansione del settore finanziario, grande influenza nell’attuale situazione di boom hanno gli acquirenti internazionali.

Secondo The Real Deal, finchè resteranno stabili i settori che formano la base dell’attività economica non è immaginabile che avvenga una crisi del settore immobiliare.

(da The Real Deal, Aprile 2015)

Sorry, the comment form is closed at this time.